Dolby Atmos: una rivoluzione per il suono surround

22. Aprile 2024 Audio

Dolby Atmos porta l’esperienza di ascolto a un nuovo livello. Grazie all’approccio innovativo di trattare il suono come un oggetto tridimensionale, questa tecnologia consente di ottenere un paesaggio sonoro dinamico che immerge l’ascoltatore in una bolla sonora onnicomprensiva. In combinazione con un’immagine ad alta risoluzione, questa è una soluzione ideale per l’home cinema. Vi spieghiamo cosa c’è dietro e come si costruisce una tipica installazione.

Quello che molti spettatori non sanno è che un’esperienza cinematografica memorabile non si limita a un’immagine impressionante. Altrettanto importante è un suono armonizzato che sia il più suggestivo possibile. Se necessario, la chiarezza e la profondità necessarie possono essere trasmesse da un lato nelle scene tranquille e dall’altro in quelle piene di azione con una pressione sonora sufficiente nella regione ventrale.

Il concetto alla base del Dolby Atmos

Il formato audio Dolby Atmos è stato sviluppato da Dolby Laboratories ed è il passo logico verso un’esperienza sonora immersiva. Originariamente progettato per il cinema, oggi sono disponibili numerose soluzioni che consentono di portare facilmente la tecnologia in casa. Il concetto è stato adattato anche a diverse altre applicazioni, come cuffie, smartphone e automobili.

I sistemi home cinema convenzionali sono in genere a 5.1 canali. Ciò significa quattro diffusori satellite, un diffusore centrale e un subwoofer. Il sistema Atmos amplia questo sistema surround tradizionale implementando i cosiddetti canali sopraelevati. Ciò consente di riprodurre i suoni non solo intorno all’ascoltatore, ma anche sopra di esso.

Dolby Atmos Setup

Ciò è garantito da diffusori supplementari a soffitto o da un sofisticato algoritmo di riflessione del suono attraverso diffusori che sparano verso l’alto. Il suono viene emesso verso l’alto e poi rifratto sul soffitto. La tecnologia utilizza oggetti sonori al posto dei canali tradizionali, consentendo di posizionare con precisione i suoni nella stanza.

Ciò significa che la riproduzione non dipende dai singoli canali. Il suono viene collocato e riprodotto in uno spazio tridimensionale. Il risultato è un’esperienza audio coinvolgente in cui i suoni possono provenire da qualsiasi direzione. Una tipica configurazione Dolby Atmos con due diffusori aggiuntivi dà luogo a una soluzione a 5.1.2 canali. Sono possibili anche configurazioni più ampie. In casi estremi, è possibile realizzare una configurazione a 24.1.10 canali.

Dove è disponibile il Dolby Atmos?

Un’ampia gamma di dispositivi e piattaforme supporta il formato Dolby Atmos. Dai ricevitori AV e dalle soundbar certificate ai noti servizi di streaming che includono le opzioni audio corrispondenti nella loro gamma. Anche il numero di film in Blu-ray con traccia Dolby Atmos è in aumento. La crescente disponibilità di contenuti compatibili con il formato Atmos sottolinea quindi l’importanza di questa tecnologia audio.

I concorrenti DTS:X e Auro-3D

Che cos’è il DTS:X?

Il DTS:X, sviluppato da Digital Theatre Systems, è un concorrente diretto del Dolby Atmos e si concentra anch’esso sul suono surround basato sugli oggetti, che crea un’esperienza di ascolto coinvolgente. La differenza principale rispetto a Dolby Atmos risiede nei metodi di memorizzazione e codifica. Mentre Dolby Atmos codifica utilizzando Dolby Digital Plus o Dolby True HD, DTS:X utilizza il formato DTS-HD High Resolution Audio.

Questa innovazione tecnica offre flessibilità nel posizionamento degli oggetti sonori e consente di generare un ambiente audio tridimensionale preciso. Questa adattabilità della configurazione ha posto il formato sotto i riflettori. Di conseguenza, non è necessario un numero prescritto di altoparlanti o un posizionamento speciale dei singoli canali, purché il codec sia supportato dal dispositivo.

Cosa può fare Auro-3D

Sviluppata dalla belga Auro Technologies, l’azienda persegue un obiettivo simile ma realizzato in modo unico con il suo formato di suono immersivo Auro-3D. Il sistema prevede l’utilizzo di numerosi diffusori, talvolta in configurazione 13.1, posizionati a diverse altezze per creare un ambiente sonoro più naturale e coinvolgente.

Questa disposizione comprende le dimensioni sonore orizzontali e verticali, consentendo un posizionamento preciso e migliorando l’esperienza di ascolto grazie alla creazione di uno spazio sonoro tridimensionale. Nonostante il dominio di Dolby Atmos e DTS:X, Auro-3D rimane una parte importante del panorama dell’audio immersivo, anche se il codec occupa una posizione di nicchia.

Le diverse configurazioni dei diffusori offerte da Auro-3D rispetto ai suoi concorrenti rappresentano una sfida per gli utenti che cercano un’esperienza ottimale con entrambi i sistemi. Auro-3D offre un’esperienza unica nonostante il suo approccio specifico e il supporto limitato in studio.

Suono surround virtuale

Il suono surround virtuale è reso possibile dalle soundbar che creano l’impressione che il suono provenga da diverse direzioni. Tecnologie come Virtual Dolby Atmos o DTS Virtual:X utilizzano sofisticati processori audio per riflettere e manipolare le onde sonore in modo da creare un’esperienza di ascolto spaziale. In particolare, i dispositivi di alta qualità nella fascia di prezzo superiore ai 1000 euro utilizzano algoritmi avanzati e progetti acustici per simulare questa impressione uditiva nel modo più accurato possibile.

Questi metodi tengono conto delle particolarità dell’ambiente e sono in grado di adattarsi automaticamente alle condizioni mediante la correzione della stanza. Il suono viene riflesso in modo specifico dalle pareti e dai soffitti per simulare uno sfondo sonoro tridimensionale per l’ascoltatore. Nelle fasce di prezzo più basse, tuttavia, il risultato è spesso inferiore alle aspettative. In genere, questo principio non si avvicina alla precisione dei concetti nativi.

Suono surround fisico

Il suono spaziale creato attraverso elementi fisici richiede una configurazione più complessa, con più generatori di suono distribuiti nella stanza per creare un paesaggio sonoro multidimensionale. Questi sistemi sono solitamente costituiti da diversi elementi costruttivi e consentono un’immersione profonda che pone l’ascoltatore al centro dell’azione. Tuttavia, questa qualità può avere un prezzo. Non è raro che il prezzo sia di diverse migliaia di euro.

Con tecnologie come il Dolby Atmos, questa esperienza può essere ulteriormente migliorata consentendo il posizionamento di singoli oggetti e integrando canali aerei per il suono dall’alto. In questo modo è possibile ricreare un’esperienza cinematografica con un’autenticità e una profondità impressionanti. La scelta e la configurazione del vostro home cinema è quindi un punto che richiede un’attenta considerazione dei costi e dei benefici.

© Ruslan Kudrin

Home cinema: combinazione di immagine e suono

Per creare l’esperienza home cinema perfetta, non solo la scelta di un televisore di alta qualità è fondamentale, ma anche l’integrazione del suono giusto può rappresentare una sfida. Investire in diffusori di alta qualità è il primo passo, ma le proprietà acustiche della stanza e un attento allineamento sono almeno altrettanto importanti.

Capire come il suono interagisce nella stanza è quindi utile per creare un ambiente in cui i dialoghi e gli effetti possano essere localizzati con precisione e la musica sia completamente coinvolgente. Vari fattori, come le dimensioni della stanza, la disposizione dei mobili e persino la struttura delle pareti, possono avere un impatto significativo sul suono.

È necessario tenere conto di questi aspetti e apportare le modifiche necessarie per garantire un ambiente di ascolto ottimale. Per un’esperienza superiore, si consiglia di utilizzare almeno una soluzione soundbar di alta qualità.

Tobias

tvfindr Editorial

[email protected]

Potreste essere interessati anche a ...