La direttiva EU sulla progettazione ecocompatibile e le sue conseguenze

22. Aprile 2024 Caratteristica

A partire da marzo 2023, l’Unione Europea vieterà la vendita di alcuni modelli di TV a causa del loro consumo energetico relativamente elevato. In seguito, tutti i televisori 8K e alcuni modelli 4K di alta qualità potrebbero scomparire dal mercato se la normativa rimarrà nella sua forma attuale. In questa guida esaminiamo da vicino quali TV sono interessati da questa misura, cosa possono fare i produttori per prepararsi, come vengono definiti i nuovi limiti e dove si trovano i problemi.

Più sostenibilità grazie alla direttiva EU sulla progettazione ecocompatibile

La seconda fase dell’adeguamento dei requisiti legali per il consumo energetico degli apparecchi elettrici entrerà in vigore il 1° marzo 2023. L’obiettivo della nuova normativa è migliorare la sostenibilità. Come parte di una modifica obbligatoria della Direttiva sulla progettazione ecocompatibile, la misura mira a ridurre al minimo l’impatto ambientale negativo dei dispositivi elettronici. Gli addetti ai lavori ritengono che si tratti di un approccio a lungo necessario per ridurre i rifiuti elettronici.

Direttiva EU sulla progettazione ecocompatibile pretende garantizar una mayor sostenibilidad.

Oltre a numerosi altri gruppi di prodotti, i televisori sono chiaramente sotto i riflettori in quanto uno dei maggiori consumatori di energia nelle nostre case. In futuro, la direttiva europea sulla progettazione ecocompatibile imporrà ai produttori di televisori obblighi ancora maggiori per rendere il loro portafoglio più efficiente dal punto di vista energetico, eliminando così definitivamente dalla loro gamma di modelli quelli che consumano più energia.

Oltre a una riduzione generale del consumo energetico di alcuni gruppi di apparecchi, l’obiettivo è anche quello di migliorare la riciclabilità di questi prodotti e ridurre le emissioni di CO2. Nel frattempo non era chiaro se l’UE avrebbe effettivamente portato avanti il percorso previsto. Tuttavia, sembra ormai certo che verrà introdotta.

I potenziali acquirenti devono quindi essere consapevoli del fatto che ciò potrebbe limitare la disponibilità di alcuni modelli e che alcune marche potrebbero presto non essere più disponibili. Se avete ancora il modello che desiderate ma siete ancora alla ricerca di diffusori adatti, date un’occhiata alla nostra guida all’acquisto di soundbar.

Quali sono i nuovi limiti?

Il cosiddetto indice di efficienza energetica indica quanto può essere elevato il consumo di energia di un televisore in relazione a una certa diagonale dello schermo. L’area di superficie può essere determinata dalle rispettive dimensioni come uno dei fattori di calcolo decisivi.

È importante distinguere tra le modalità operative SDR e HDR. Nella prima, il consumo è spesso molto più basso ed è determinante per la valutazione. Il consumo di energia nella modalità HDR più brillante, invece, è attualmente irrilevante.

Per aiutarvi a determinare rapidamente se l’UE ha dato il via libera al vostro modello preferito o a un televisore che avete già acquistato, abbiamo riassunto tutte le diagonali di schermo standard in una tabella compatta con il consumo massimo corrispondente.

Se non abbiamo elencato una dimensione dello schermo, potete anche calcolare voi stessi il consumo massimo corrispondente utilizzando la seguente formula, non del tutto semplice:

Formel zur Berechnung der Energieeffizienzklasse bei Fernsehern

Spiegazione: il parametro“P-misurato” si riferisce al consumo energetico indicato dal produttore. L’area dello schermo è inserita in“A“. La variabile“corr” indica il fattore di correzione e in futuro non avrà più alcun ruolo nel calcolo.

Dimensione dello schermoConsumo massimo (SDR)
32 pollici33 watt
40 pollici48 watt
42 pollici53 watt
46 pollici61 watt
48 pollici66 watt
50 pollici71 watt
55 pollici84 watt
60 pollici98 watt
65 pollici112 watt
75 pollici141 watt
77 pollici148 watt
83 pollici164 watt
85 pollici169 watt
88 pollici178 watt

Le eccezioni sono ancora valide?

Un fattore decisivo è in realtà dovuto a vari casi eccezionali che sono stati applicati fino ad oggi e che hanno impedito a un’intera gamma di televisori di essere venduti prima. Tuttavia, questo fatto cambierà presto e le relative norme speciali non saranno più applicabili.

Finora i cosiddetti micro display LED e i pannelli 8K sono stati esentati dai requisiti della direttiva e quindi non avevano requisiti specifici in termini di efficienza energetica. Tuttavia, questi schermi sono considerati particolarmente energivori e sono i televisori più interessati dalla Direttiva Ecodesign. I modelli OLED hanno anche il vantaggio di avere un fattore di correzione nel calcolo del consumo massimo di energia consentito.

Questo aspetto tiene conto del fatto che questi schermi sono, almeno teoricamente, particolarmente efficienti dal punto di vista energetico e possono quindi avere un consumo maggiore rispetto ad altri schermi. Tuttavia, questa ipotesi non è pratica. In molti casi, la tecnologia dei pixel autoilluminanti non è realmente più efficiente dal punto di vista energetico rispetto ai televisori a LED.

Las exenciones de la Directiva de diseño ecológico de la UE para el sector profesional.

A partire da marzo 2023, sia il fattore di correzione appena descritto che le eccezioni per i display con risoluzione 8K e i micro display LED non saranno più applicabili. Ciò significa che tutti i tipi di modelli sopra citati dovranno soddisfare i requisiti del regolamento per poter continuare a ricevere una licenza di vendita al dettaglio.

Tuttavia, l’UE fa ancora una distinzione. Tutti gli schermi progettati per uso professionale sono completamente esenti dai regolamenti. Ciò vale per gli schermi industriali, i display per il controllo, la misurazione, il monitoraggio e il collaudo, nonché per il CAD, la grafica e il montaggio video. Anche il settore della radiodiffusione è attualmente esente.

Quali modelli di TV sono interessati in dettaglio?

La nuova direttiva UE sulla progettazione ecocompatibile non riguarda solo i televisori Micro LED e i televisori 8K, ma anche alcuni modelli 4K attualmente in commercio. Di seguito abbiamo stilato una panoramica di questi televisori e dei rispettivi consumi energetici in modalità SDR.

In base alle normative UE, al momento della stesura di questo articolo non è più possibile vendere i televisori delle marche più importanti degli anni 2021 e 2022:

ProduttoreNome del modelloDimensioni in pollici
LGNANO9665″
LGNANO9965″, 75″
LGOLED Z177″, 88″
LGOLED Z277″, 88″
LGQNED9665″, 75″
PhilipsOLED 93648″, 55″, 65″
SamsungNeo QLED QN900A65″, 75″, 85″
SamsungNeo QLED QN800A65″, 75″, 85″
SamsungNeo QLED QN700A55″, 65″, 85″
SamsungNeo QLED QN900B65″, 75″, 85″
SamsungNeo QLED QN800B65″, 75″, 85″
SamsungNeo QLED QN700B55″, 65″, 85″
SamsungS95B QD-OLED55″, 65″
SonyZ9J75″, 85″
SonyA95K QD-OLED65″

Nota nel nostro strumento Versus

Inoltre, abbiamo aggiunto una nota di colore e di testo al nostro confronto TV, visualizzata direttamente sotto l’immagine dell’articolo. In questo modo è possibile vedere a colpo d’occhio se un modello è conforme ai valori guida che si applicheranno a partire dal 2 marzo 2023.

Tutti i televisori che possono continuare a essere venduti sono contrassegnati in verde. Un contrassegno rosso vieterebbe la vendita a partire dal 16 gennaio 2023. La nostra sezione ecodesign fornisce anche ulteriori informazioni sul consumo energetico del televisore.

Consumo energetico fluttuante dei televisori

Il consumo energetico dei televisori può variare notevolmente. Dipende da diversi fattori, come le dimensioni, la risoluzione e il tipo di pannello. Inoltre, è importante sapere se il televisore è dotato di accesso a Internet e quindi ha la classificazione aggiuntiva di Smart TV o meno. Altri aspetti importanti sono l’impostazione della luminosità effettiva e la modalità operativa selezionata.

Directiva de la UE sobre diseño ecológico del consumo de energía.

Se prendiamo in considerazione tutti questi dati chiave, il consumo energetico di un televisore moderno può, nel migliore dei casi, essere inferiore a 50 kWh per 1000 ore di funzionamento. Per i modelli 8K di grandi dimensioni al massimo livello di luminosità e alla massima risoluzione, tuttavia, questo può significare un consumo energetico di oltre 10 volte superiore.

La gamma è quindi piuttosto ampia. Tuttavia, poiché i valori soglia stabiliti sono significativamente più bassi, il consumo molto più elevato finirà per diventare un ostacolo alle vendite per i produttori. Anche i micro TV LED richiedono una quantità di energia relativamente elevata e potrebbero quindi non soddisfare i requisiti. Tuttavia, i display di questo tipo sono stati finora riservati al settore commerciale e non sono quindi un fattore di consumo nelle abitazioni private.

Cosa possono fare i produttori di TV?

I produttori hanno poco spazio di manovra per evitare di rimanere potenzialmente bloccati con i dispositivi. In generale, produttori come LG, Samsung o Sony possono adattare il software dei televisori interessati dalla direttiva. Basandosi su una modalità di immagine appositamente progettata per la direttiva UE sulla progettazione ecocompatibile, il dispositivo si troverebbe quindi appena al di sotto dei valori di consumo prescritti non appena si accende il televisore a casa per la prima volta.

Questo trucco è un modo per aggirare il divieto di vendita. L’aspetto negativo di questo approccio: Dopo l’avvio iniziale, le prestazioni dell’immagine non corrisponderebbero alla qualità o alla luminosità del rivenditore a causa di uno schermo più scuro in combinazione con il basso consumo energetico e dovrebbero essere regolate successivamente.

Effetti sui consumatori

Le nuove norme potrebbero avere un impatto negativo sotto molti aspetti e porre i consumatori di fronte a una sfida indesiderata che potrebbe finire con l’irritazione o il risentimento. Gli addetti ai lavori ipotizzano che l’implementazione nella sua forma attuale avrà un forte impatto sull’industria dei televisori e costringerà i consumatori ad acquistare modelli più vecchi e meno potenti.

Supponendo che i produttori aggiungano effettivamente una modalità operativa speciale, gli acquirenti potrebbero finire per essere le “vittime”. I rivenditori dovrebbero informare in anticipo i consumatori della direttiva UE sulla progettazione ecocompatibile in relazione alle impostazioni dell’immagine. I consumatori spesso confidano nel fatto che un dispositivo acquistato funzioni “correttamente” non appena viene impostato.

La Directiva comunitaria sobre diseño ecológico afecta a los consumidores.

Nel peggiore dei casi, l’ignaro consumatore medio si limita a restituire il televisore appena acquistato perché il processo di conversione sembra troppo complesso e le informazioni importanti sono state trasmesse in modo errato o non sono state trasmesse affatto. Un’ulteriore conseguenza potrebbe essere il danno d’immagine per il produttore.

Anche una guida rapida che si trova da qualche parte nella scatola verrebbe probabilmente notata solo da pochissimi acquirenti o addirittura letta correttamente. Sarebbe meglio un’etichetta adesiva di grande effetto sullo schermo che spieghi in pochi e semplici passaggi cosa deve fare l’utente per poter utilizzare il dispositivo al massimo delle sue potenzialità. Se e in che modo tali ausili saranno implementati rimane al momento una pura speculazione.

Forti critiche da tutte le parti

È necessario un riallineamento

Al momento di definire i valori limite adeguati per la direttiva UE sulla progettazione ecocompatibile, non esistevano valori di riferimento per tecnologie come l’8K. Le diagonali degli schermi di 65 pollici e oltre non erano certo un problema per le abitazioni private.

Anche i contrasti elevati e le frequenze che oggi superano i 120 hertz al secondo erano ancora una cosa del futuro negli anni successivi. La richiesta di produttori, associazioni e organizzazioni mira a convincere l’UE a cambiare la propria posizione e a ridefinire di conseguenza i valori consentiti. A tal fine, è necessario apportare i necessari adeguamenti e allineare il regolamento alle condizioni attuali del mercato televisivo.

Ciò include anche l’appello ad escludere fin dall’inizio i micro TV LED e i televisori 8K. Il motivo: queste tecnologie non sono ancora così diffuse in Europa, il che significa che il consumo energetico più elevato di un numero relativamente limitato di dispositivi – misurato rispetto al mercato di vendita complessivo – non gioca un ruolo significativo.

Valori di efficienza quasi mai migliori

Anche l’adeguamento dell’etichetta di efficienza energetica nel marzo 2021 non rappresenta una soluzione praticabile per i consumatori. Poiché negli ultimi anni i televisori non hanno fatto i balzi previsti in termini di efficienza energetica, nella maggior parte dei casi anche i modelli attuali sono raggruppati in una delle due categorie peggiori.

Directiva de diseño ecológico de la UE Consumo de energía

Tecnologie come l’OLED o l’8K non vengono considerate in modo differenziato e, oltre al consumo di energia, nella valutazione viene inclusa anche la luminanza nello stato di fornitura. Il televisore deve raggiungere almeno il 65% della sua luminosità di picco o 220 candela per metro quadro su tutta la superficie.

In parole povere, la nuova direttiva UE sulla progettazione ecocompatibile significa che quasi tre quarti di tutti i televisori saranno etichettati con l’etichetta energetica G. Meno del 20 percento di essi otterrà la certificazione F. Meno del 20% otterrà la classificazione F. Ciò rende più difficile la distinzione per i consumatori, poiché sebbene i valori esatti di consumo siano generalmente comparabili, non esiste un chiaro fattore di riferimento per la categorizzazione.

In questo contesto sono rilevanti due ragioni decisive: In primo luogo, l’aumento dell’efficienza del 7,5% all’anno ipotizzato dall’UE si discosta notevolmente dalla realtà. In secondo luogo, l’implementazione di tecnologie come l’HDR e l’aumento della risoluzione degli schermi ha fatto sì che il consumo di elettricità sia aumentato costantemente per diversi anni, invece di diminuire.

Di conseguenza, molti televisori non rientrano più in un’unica classe di efficienza, ma non saranno più in grado di soddisfare lo standard che si applicherà a partire dal 1° marzo 2023. Per rispettare i valori limite, tutti i dispositivi 8K, ad esempio, dovrebbero ridurre il loro consumo energetico fino al 50% e quindi dimezzarlo. Questo non sarà tecnicamente possibile nei prossimi anni.

La direttiva come freno agli investimenti

Nell’ambito della direttiva UE sulla progettazione ecocompatibile, l’obiettivo era quello di promuovere l’uso di apparecchi ad alta efficienza energetica. Ciò ha senso per ridurre il consumo di energia e minimizzare l’impatto ambientale. Tuttavia, questa direttiva può anche ostacolare lo sviluppo di nuove tecnologie.

La Directiva comunitaria sobre diseño ecológico afecta a los consumidores.

I produttori di display investono spesso in nuovi sviluppi, come i pannelli 8K o i micro display LED. Soprattutto nella fase introduttiva, tuttavia, tali tendenze sono spesso giustamente percepite dai consumatori come non necessarie, in quanto troppo costose per un uso normale e quindi appaiono rapidamente superflue. Tuttavia, è giusto e importante continuare a sviluppare queste tecnologie, perché in futuro faranno parte della nostra vita.

A lungo termine, l’attuale versione della Direttiva UE sulla progettazione ecocompatibile potrebbe far sì che i produttori di schermi non investano più così tanto nelle nuove tecnologie, poiché solo una piccola parte di questi investimenti può essere recuperata. Ciò potrebbe rallentare lo sviluppo di nuove tecnologie.

Fonti:

Tobias

tvfindr Editorial

[email protected]

Potreste essere interessati anche a ...